PRONTI, PARTENZA, VIA: IN VACANZA CON CANE E GATTO

Andare in vacanza con cane e gatto è un’esperienza divertente ed entusiasmante. Ma per rendere queste esperienza confortevole deve essere studiata nel dettaglio per essere a misura di “turista a 4 zampe”.

Contents

ARRIVA L’ESTATE, PRONTI A PARTIRE CON BILLY E PALLINA?

Quando si inizia a progettare una vacanza con cane e gatto è necessario prestare la giusta attenzione prima della partenza, durante il soggiorno e persino al rientro dal viaggio: sai che, così come capita agli esseri umani, anche Billy e Pallina potrebbero essere colpiti dalla “depressione da rientro”?

E allora, sei pronto a partire? Dopo aver letto i nostri consigli sicuramente si!

PREDISPORSI ALLA VACANZA CON CANE E GATTO

Prima tappa del viaggio: la visita dal veterinario

Un check–up generale dell’animale è indispensabile per escludere patologie in atto e per accertarsi che il tuo compagno di avventura a 4 zampe sia nelle condizioni di salute adeguate per affrontare un viaggio.

Quindi, la prima cosa da fare se decidi di portare in vacanza con te il tuo  animale  è concordare una visita di controllo dal tuo Veterinario di fiducia.

Inoltre:

  • Se il tuo animale è ansioso o tende a stressarsi è bene concordare preventivamente con il veterinario una terapia per alleviare eventuali sintomi di un potenziale  malessere
  • Chiedi inoltre al veterinario come creare un piccolo kit basico di primo soccorso da avere sempre a portata di mano in caso di necessità

COSA NON DEVE MAI MANCARE NELLA VALIGIA DI BILLY?

Vanno messi in valigia insieme a tutto l’occorrente per il tuo animale:

  • Libretto sanitario correttamente compilato e aggiornato dal veterinario,
  • Passaporto (se la meta di arrivo è al di fuori del territorio italiano),
  • Documenti o certificati sanitari richiesti dal paese che si ha intenzione di visitare

PREPARARE  LE VALIGIE

Ovvero tutto il necessario per andare in vacanza con cane e gatto e gestirli come se fossero a casa 

Per partire con cane e gatto è necessario preparare  non solo le tue valigie ma anche quelle di  Billy e Pallino e non dimenticare cose per loro fondamentali:

  • Cibo
  • Ciotole
  • Farmaci abituali
  • Giochi preferiti
  • Indumenti familiari
  • Guinzaglio e museruola
  • Sacchetti igienici o lettiera

IN VIAGGIO CON CANE E GATTO: ACCORGIMENTI E PRECAUZIONI

Qualunque sia il mezzo di trasporto con il quale decidi di affrontare il viaggio è bene utilizzare gli opportuni accorgimenti e precauzioni per rendere il tragitto al tuo animale piacevole, confortevole e poco stressante.

 VIAGGIO IN AUTO:

  • Prima di affrontare un lungo viaggio in auto abitua gradualmente l’animale agli spostamenti. Inizia con brevi tragitti per poi aumentare progressivamente tempi e durata del percorso.
  • Porta con te un gioco o una coperta che l’animale abitualmente utilizza: può aiutarlo a rendergli l’ambiente familiare.
  • Caldo, aria condizionata e bruschi sbalzi termici sono pericolosi per i nostri animali. Vanno tassativamente evitate le partenze nelle ore più assolate della giornata per scongiurare il pericolo del colpo di calore.
  • Durante il viaggio è opportuno tenere almeno un finestrino parzialmente aperto per favorire il ricambio d’aria e la ventilazione all’interno dell’abitacolo.
  • Ciotola, acqua e salviette inumidite e rinfrescanti non devono mai mancare.
  • Guida prudentemente evitando accelerazioni e frenate. La cinetosi (ossia il mal d’auto) può colpire anche gli animali.
  • Programma soste regolari per consentire al cane di scendere dall’automobile, sgranchirsi e fare i suoi bisognini.
  • Ricorda che,ai sensi dell’Art. 169 del nuovo codice della strada – Trasporto di persone, animali e oggetti sui veicoli a motore: “È consentito il trasporto di soli animali domestici purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete “

 

VIAGGIO IN NAVE, TRAGHETTO, TRENO O AEREO

Per quanto riguarda i viaggi in treno, in nave o in aereo, le regole per il trasporto degli animali domestici possono variare da una compagnia all’altra.

  • Informati in anticipo sul Regolamento della Compagnia di viaggio. Al tuo animale potrebbe essere consentito l’accesso in cabina oppure in stiva: in ogni caso è probabile che debba viaggiare all’interno di un trasportino.
  • Se il tuo l’animale non è mai stato abituato all’uso del trasportino, un viaggio lungo come prima esperienza potrebbe essere percepito come un  evento fortemente  traumatico. Pertanto ti consigliamo di  farlo familiarizzare con il “contenitore” per un po’ di tempo lasciandolo, ad esempio, aperto in casa e posizionandovi  all’interno  giochi, biscotti, indumenti o copertine impregnate del tuo e del suo odore.
  • Il trasportino deve essere ben aerato, sufficientemente grande da consentire all’animale di stare in posizione eretta e di accucciarsi, impermeabile, con il fondo rivestito di materiale assorbente per le deiezioni  e dotato di chiusure di sicurezza.
  • Durante il viaggio il trasportino non va MAI aperto tranne che per consentire all’animale di sgambare ma in condizione di  comprovata sicurezza badando bene che non vi siano vie di fuga accessibili. Sai quanti animali, frastornati da luoghi e ambienti non familiari,tendono a scappare appena apri il trasportino? La prudenza non è mai troppa: non mettere a rischio il tuo animale per una disattenzione.

 

IN VACANZA CON CANE E GATTO OLTRE I CONFINI NAZIONALI: IL PASSAPORTO EUROPEO

Se la meta del tuo viaggio è fuori Italia sappi che per gli spostamenti all’interno dei Paesi della UE di cani, gatti e furetti va richiesto il rilascio  del Passaporto Europeo.

Il  Regolamento (UE) 576/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 giugno 2013 prevede infatti  la necessità di identificazione degli animali in caso di spostamenti.

Il Passaporto Europeo, in Italia, è rilasciato dai servizi veterinari dell’Azienda Sanitaria Locale su richiesta del proprietario.

Il Passaporto Europeo contiene le seguenti informazioni:

  • Dati anagrafici dell’animale,incluso il numero identificativo di microchip
  • Elenco di tutte le vaccinazioni effettuate, inclusa quella antirabbica
  • Visite mediche
  • Eventuali trattamenti contro l’echinococco multilocularis (soltanto per talune destinazioni)

La vaccinazione antirabbica deve essere effettuata almeno 21 giorni prima dell’introduzione dell’animale nel Paese di destinazione. Ti consigliamo, quindi, di procedere alla richiesta di rilascio del passaporto con almeno 1 mese di anticipo rispetto alla data di partenza prevista.

DEPRESSIONE DA RIENTRO, IL TRAUMATICO POST-VACANZA

Terminata la vacanza la “sindrome da rientro” potrebbe colpire anche  il tuo animale.

Vacanze: tanto tempo a disposizione, relax, giochi, telefono staccato,tante passeggiate. Il tuo compagno di viaggio a 4 zampe che si abitua a trascorrere con te ogni ora delle sue, delle vostre giornate. Situazione per lui di estremo appagamento e di felicità, e poi..e poi si rientra a casa.

Sicuramente Billy e Pallina potrebbero mal digerire i ritrovati ritmi della routine quotidiana. Un po’ come per noi, umani, che fatichiamo non poco per riprendere il ritmo degli orari di ufficio dopo esserci abituati alle infradito.

L’animale depresso può manifestare inappetenza,apatia e spossatezza. Che fare, dunque? Una soluzione è coinvolgerlo nelle stesse attività che lo hanno incuriosito o entusiasmato durante la vacanza.

Ritagliati del tempo da dedicare ad attività da fare in compagnia del tuo amico a 4 zampe: un giro in macchina, una corsetta, una lunga passeggiata.

Pian piano, con pazienza e dedizione, il suo umore ritornerà alla normalità. Ed anche il tuo.

E ora non resta che preparare le valigie e godersi un meritato riposo.

fonte clinicalaveterinaria.it

Leave A Comment

dodici − cinque =